loader

Quartetto ATMOS

Quartetto ATMOS

10362374_461717780598199_3330396395033720164_n
  • 08/07/14
  • Auditorium Porcari
    Via Roma 121 | Porcari

Stefano Agostini, Sebastiano Bon, Riccardo Parrucci, (flauti).
Carlo Failli, (clarinetto basso).
“Rondò dei marinai perduti”.
(musiche di Sebastiano Bon, Sara Montagni, Riccardo Parrucci)

Composizioni originali e improvvisazioni liberamente ispirate a vari linguaggi, generi, forme classiche. Un organico inusuale propone un repertorio inedito e originale, al confine tra il jazz e la musica contemporanea, tra le sue fonti di ispirazione le architetture contrappuntistiche del cool jazz e le atmosfere dei racconti di mare.

STEFANO AGOSTINI.
Diplomato con lode, perfeziona gli studi con C. Klemm al Conservatorio di Winterthur (solistendiplom). Parallelamente a una pluriennale attività orchestrale come primo flauto ha svolto attività concertistica con vari ensemble. Interessato alle espressioni artistiche contemporanee, alla improvvisazione e al rapporto della musica con altri linguaggi artistici, collabora con molti compositori, compagnie di danza e teatro. Dal 1977 è docente di flauto presso l’Istituto Musicale “P. Mascagni” di Livorno.

SEBASTIANO BON.
Flautista e compositore, si è diplomato con Stefano Agostini, quindi si è laureato in Storia della Musica e in Jazz. Ha fondato svariati gruppi per i quali ha scritto arrangiamenti e composizioni originali. Ha inciso per Caligola, Forresti Hill, Ricutino, Few Notes. Tiene masterclass sull’imporvvisazione. Giornalista, ha collaborato fra l’altro con Radio Montebeni e Rete Toscana Classica.

 

RICCARDO PARRUCCI.
Diplomato nel 1982 presso l’Istituto Musicale “P. Mascagni” sotto la guida del M° M. Rossi. Ha proseguito gli studi con W. Bennet, P. Gallois, D. Asciolla, V. Mendelssohn, C. Klemm. Nel 2002 si è diplomato in Musica Jazz col massimo dei voti. Musicista versatile a suo agio con vari linguaggi, svolge regolarmente attività concertistica con vari complessi cameristici e gruppi che frequentano vari generi musicali, coi quali è stato inserito in cartellone con prestigiosi nomi del concertismo internazionale sia del filone colto che della musica improvvisata. Ha partecipato a trasmissioni radiofoniche sia con registrazioni che con musica in diretta (RAI Mattino Tre, Radio Tre Suite). In qualità di compositore ha realizzato con ExtraTempo Ensemble il CD “Nostos” (Radicimusic Records 301). Ha tenuto conferenze e seminari con tematiche riguardanti il flauto, la didattica e la tecnica Alexander in vari Conservatori e per Istituzioni Musicali delle più importanti città italiane e in Europa.

CARLO FAILLI.
Si diploma, nel 1984 col massimo dei voti. Nel 1996 vince il concorso per entrare a far parte come primo clarinetto dell’Orchestra della Toscana, ruolo che ricopre per oltre 10 anni. Nel 1997 vince il terzo premio al “Carl Nielsen International Clarinet Competition” a Odense, Danimarca. Ha suonato come primo clarinetto nell’Orchestra Filarmonica del Teatro alla Scala di Milano, nell’Orchestra del Teatro La Fenice di Venezia, nella Malher Chamber Orchestra, nell’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino con direttori come Z. Mehta, R. Muti, G. Sinopoli, Myung-Whun Chung, L. Maazel, partecipando a tournée in Europa, Cina, Giappone, Brasile, Argentina, Uruguay, Stati Uniti. Svolge attività sia come solista che in formazioni cameristiche. È docente di clarinetto presso l’ Istituto Musicale “P. Mascagni” di Livorno.